mercoledì 12 luglio 2017

COSA SONO I TEST D'INGRESSO?

Quando ci si preiscrive all’università in certe facoltà, come Medicina, l’iscrizione è legata all’esito del test di ammissione. L’espressione “numero chiuso” viene utilizzata di solito per indicare quei corsi di laurea per i quali c’è un numero definito di posti disponibili, che però viene stabilito dalla singola università. Proprio per questo i test d’ingresso ai corsi a numero chiuso molto spesso sono locali, cioè organizzati dai singoli atenei. Quando si parla di corsi ad “accesso programmato nazionale”, invece, si fa riferimento a indirizzi di studio per i quali il numero dei posti disponibili viene comunicato a livello nazionale con un decreto del Ministero dell’Istruzione, che stabilisce anche la data del test, il numero di domande e altro ancora.



I corsi che hanno l’accesso programmato nazionale sono: Medicina e Chirurgia, Odontoiatria, Veterinaria e Architettura. Tutti gli altri corsi sono a numero chiuso, eccezion fatta per Professioni Sanitarie e Scienze della Formazione Primaria, vengono amministrati dai singoli atenei che possono scegliere in autonomia: domande, date dei test, posti a disposizione e se, eventualmente, dare luogo ad una graduatoria unica aggregandosi con un’altra Università. In alcuni casi, addirittura, il mancato superamento della prova comporta solo alcuni "debiti" da colmare e non l'esclusione dal corso di laurea.

Per quanto facoltà come Medicina abbiano indubbiamente il loro fascino, esistono altri corsi di laurea nello stesso ambito di studio che non richiedono test d’ingresso, consentendo di lavorare già al termine del corso di studi.

Nel Corso di Studi in Scienze delle Attività Motorie e Sportive si intrecciano conoscenze relative alla biologia, alla fisica, all’anatomia, fisiologia, medicina dello sport, pedagogia, psicologia, didattica e metodologia dell’attività motoria e sportiva che, anche attraverso momenti di pratica di discipline motorie e sportive, consentono l’acquisizione di competenze finalizzate a differenti sbocchi professionali nel mondo del movimento.

Il Corso di Studi in Scienze dell’Alimentazione e Gastronomia invece si caratterizza per la presenza di insegnamenti in settori che riguardano da vicino la produzione ed il consumo del cibo. Accanto a materie tradizionali e di base, tipicamente presenti nei corsi di tecnologie alimentari, si trovano discipline gastronomiche che studiano il cibo con un approccio che va oltre la sua semplice funzione di alimento, rendendolo fonte di piacere e di cultura. In questo corso di studi, lo studente avrà quindi l’opportunità di occuparsi tanto di materie professionalizzanti come l’igiene e la microbiologia degli alimenti, la sicurezza alimentare, le tecnologie agro-alimentari, la nutrizione, ecc.; quanto di materie legate alla sfera gastronomica come la storia della gastronomia, la gastronomia italiana e internazionale, l’estetica gastronomica e le tecniche di degustazione e di comunicazione.

Nessun commento:

Posta un commento