mercoledì 5 aprile 2017

EDUCAFORM CONTRO IL DIGITAL MISMATCH

Investire sulla formazione scolastica e universitaria prima, e sull’aggiornamento professionale dopo, rappresenta una strada obbligata per rispondere alle richieste di una società sempre più digitalizzata e che corre veloce. La progettazione organizzativa deve tener conto dell’impatto delle nuove tecnologie informatiche per lo sviluppo di nuove attività economiche, specialmente in IoT, cloud computing, Intelligenza Artificiale e 3D printing. Pur destinati a diminuire di numero, i manager del futuro saranno sempre più “progettisti” e “gestori” di innovazione continua. Investire in cultura digitale si conferma quindi l’unica strada percorribile in un futuro in cui se non è pensabile che si lavori più, si lavorerà sicuramente meno.



Entro i prossimi cinque anni, in Italia, per colmare il digital mismatch, ossia il disequilibrio tra domanda e offerta nel mercato del lavoro, le competenze richieste saranno sempre più specifiche e di alto profilo. L’incedere di servizi digitali, robotica e Intelligenza artificiale richiede infatti un nuovo approccio al mondo del lavoro e, ancor di più, alla sfera legata alla formazione, all’educazione e allo sviluppo delle competenze.

L’Italia in questo ha ancora molta strada da fare. La carenza di certe figure professionali rischia di far restare il Paese in recessione più a lungo del necessario, mentre la mancanza di politiche opportune continua a far migrare all’estero le migliori promesse della nanotecnologia e della microbiologia, così come i fondatori di startup tecnologiche che trovano all’estero la propria realizzazione personale e professionale.

Come se non bastasse, la carenza di competenze specifiche e avanzate, a partire dall’istruzione di base nel nostro Paese, genera un fenomeno denominato mismatch, secondo cui le persone in cerca di lavoro spesso non sono in grado di rispondere ai requisiti e alle competenze tecnologiche e digitali sempre più necessarie alle aziende.

E se all’orizzonte si stagliano nuove professioni legate ai bisogni emergenti, una necessità chiara è presente fin da ora richiede di formare un numero crescente di persone a tutti i livelli. Da qui le previsioni secondo cui, per raggiungere destinatari dislocati in ogni parte del mondo, la formazione professionale continua avverrà sempre di più online. Ne è prova il numero crescente di insegnanti che sta imparando a gestire docenze online e a sviluppare il materiale didattico necessario, come ebook e webinar, per realizzare la Formazione a distanza, mentre università prestigiose come Harward sfruttano già da tempo sia i MOOCs (Massive Open Online Courses), sia i programmi di apprendimento virtuale, come Moodle, Blackboard e Web CT, accelerando, di fatto, la tendenza in atto.

Educaform ha come obiettivo quello di consentire a chiunque di apprendere nozioni utili a trovare lavoro in questo periodo di forti trasformazioni. Nell’ambito della 3D Printing sono stati attivati dei corsi, in collaborazione con Artedas, per formare persone che sappiano usare OrCAD e SolidWorks.

Nessun commento:

Posta un commento