mercoledì 14 dicembre 2016

MINISTRA FEDELI SENZA LAUREA? ECCO LA VERITÀ

Se la Ministra Valeria Fedeli scrive che ha "un diploma di laurea" non mente. Nonostante quello che ne dicano alcune testate che da qualche giorno la accusano.

Foto da www.valeriafedeli.it


Il neo ministro dell'Istruzione? Non è laureata. 
Gli studi di Valeria Fedeli, che nel neonato governo Gentiloni ha preso il posto di Stefania Giannini, diventano un caso. E Sui social network c'è anche chi chiede le dimissioni del ministro, senza neppure lasciarle il tempo di prendere effettivamente possesso del suo incarico. 

Secondo quanto riferisce oggi Affaritaliani.it, il titolo di studio della Fedeli non è equivalente a una laurea. Il neo ministro ha infatti conseguito un diploma presso la scuola per assistenti sociali UNSAS di Milano. 

Ma attenzione: nel momento del conseguimento del titolo da parte della Fedeli, all'inizio degli anni '70, la scuola rilasciava quello che effettivamente era denominato "diploma di laurea". E bisogna anche ricordare che, anche se si può ritenerla una cosa discutibile, la laurea non è un requisito obbligatorio per diventare ministro dell'Istruzione.

Come diceva anche Umberto Eco in tempi non sospetti 

"La Costituzione infatti stabilisce che il popolo elegge i parlamentari, il Parlamento elegge il presidente della Repubblica il quale, dopo avere ascoltato i rappresentanti dei vari partiti, nomina lui, sponte propria, il capo del Governo e i suoi ministri, e in linea di principio potrebbe nominare anche sua nonna, o il capostazione di Roccacannuccia, se la maggioranza delle forze politiche gli avesse fatto il loro nome".

DIPLOMA O LAUREA? QUALE  VERITÀ SUGLI STUDI DEL MINISTRO
Fonti del ministero confermano ad Affaritaliani.it che il titolo di studio non è equivalente a una laurea. Ed è vero che la laurea in Scienze sociali è stata istituita solamente nel 1999. Ma scrivere, come fa la Fedeli sul suo sito, di essere in possesso di "un diploma di laurea in Scienze sociali, presso UNSAS" non è una menzogna. 

Questo quello che compare sul sito della Ministra alla pagina www.valeriafedeli.it/chi-e-valeria-fedeli/




La denominazione del titolo negli anni '70 e comunque prima dell'istituzione del corso di laurea in Scienze sociali era effettivamente quella. Dal ministero fanno notare che le informazioni riportate in tutte le biografie, compresa l'indicazione della scuola presso la quale è stato conseguito il titolo di studio, sono corrette ed esaustive. Ed effettivamente non si può dire il contrario. Insomma, la Fedeli non si spaccia per laureata. 

Quello che si può dire è che certamente le denominazioni dei titoli di studio in Italia sono spesso oscure e fraintendibili. Leggere "diploma di laurea" senza approfondire con accuratezza la girandola di denominazioni e titoli di studio succedutisi nel corso degli anni può generare dubbi legittimi. E resta il fatto che il ministro dell'Istruzione, seppure non sia un suo obbligo, non è laureata.

COME LAUREARSI LAVORANDO E/O FACENDO IL MINISTRO? 

Per concludere, dunque, la ministra Fedeli è legittimata a svolgere l'incarico per cui è stata incaricata. E se lo vorrà, potrà sempre prendere la laurea frequentando una delle Università telematiche adatta e chi studia, lavora o fa il ministro... per esempio appoggiandosi a  www.universitatelematica.info che fornisce un supporto valido per chi studia e lavora. 




Aggiornamento:
alle ore 13 del 14 dicembre 2016 il sito della Ministra è cambiato. Il sito web e Affari Italiani riportano che "Diploma di laurea" è stato sostituito con "diploma".







Nessun commento:

Posta un commento