giovedì 6 ottobre 2016

MASTER CULTURA 4.0: VALORIZZAZIONE, MARKETING, TECNOLOGIA, FINANZA. MANAGEMENT PER IL MUSEO DEL FUTURO

Master e corsi postlaurea in beni culturali sono scelti prevalentemente da laureati triennali o magistrali in materie umanistiche interessati a una carriera nella tutela delle bellezze artistiche e culturali di una nazione. Si tratta di programmi di specializzazione per giovani appassionati di storia, arte, cultura e che vogliano operare professionalmente in questo settore. Anche uomini e donne che già lavorano possono scegliere un percorso di perfezionamento legato ai beni culturali, per dare alla propria professione un taglio più mirato o per colmare lacune specifiche.



L’applicazione della Riforma Franceschini ha messo in luce la necessità di potenziare competenze di management a 360°, perché se da un lato l’Italia eccelle nella tutela e nella conservazione del patrimonio culturale, dall’altro dimostra una notevole difficoltà nell’adeguarsi alle esigenze del mercato della cultura contemporaneo.

Risultano critiche nell'ambito del servizio pubblico la valorizzazione, la comunicazione e lo sviluppo dei luoghi della cultura in relazione alle attuali tendenze del contesto di riferimento. La riorganizzazione del Mibact va in questa direzione, ponendo la valorizzazione al fianco della tutela della cultura sollecitando ai funzionari e agli operatori dei luoghi della cultura lo sviluppo di competenze finora non richieste, come il marketing e la comunicazione. In un’ottica di valorizzazione, non può mancare poi la conoscenza e l’utilizzo professionale delle nuove tecnologie applicate ai beni culturali, così come la capacità di attivare e gestire una rete di relazioni e sinergie con il comparto turistico.

Sbocchi professionali

I diplomati dei master in beni culturali possono ambire a ruoli di responsabilità nella valorizzazione del patrimonio storico ed artistico, come esperti di comunicazione legata ai beni culturali, nell' organizzazione eventi e mostre, come curatori museali o manager presso fondazioni, compagnie, associazioni culturali. 

Nessun commento:

Posta un commento