venerdì 9 settembre 2016

COME DIVENTARE PROGETTISTA DI VIDEOGIOCHI: UN CORSO DI LAUREA

Il mondo dei videogiochi è un settore in continua crescita, sia in termini di fatturato che in evoluzione della tecnologia utilizzata. E il lavoro non manca. 



Un professionista GAME DESIGNER, ovvero esperto nella creazione di un videogioco possiede capacità e qualità  estremamente sofisticate. Vediamo innanzitutto di cosa si occupa.

DI COSA SI OCCUPA UN GAME DESIGNER 

Si occupa di progettare e testare un prodotto che possa essere immesso sul mercato nel circuito ludico. Si occupa di programmazione, grafica, ottimizzazione, musica, ecc. 

Ultimamente, soprattutto  con al presenza di decide e interfacce sempre più potenti (pensiamo agli occhiali per la realtà virtuale immersiva o alle interfacce interattive) è una professione che si rivolge sempre più anche alla simulazione: dall'apprendimento alla sicurezza. 

Le specializzazioni sono molte: c’è chi costruisce gli ambienti del gioco, il cosiddetto level designer, che raccoglie competenze di grafica 3D, programmazione ed architettura degli ambienti virtuali; ma ci sono anche  designer testano il gioco e il loro lavoro si basa sulla raccolta e l’elaborazione di dati e l'analisi dei risultati.


COME SI DIVENTA GAME DESIGNER 

Quella del game designer è una figura professionale molto interessante che  senza esperienza nel settore come programmatore, tester o grafico è difficile possedere le conoscenze necessarie per essere un buon game designer.

È per questo che sono nati percorsi universitari ad hoc che, seguendo l'evoluzione della materia e soprattutto le tecnologie utilizzate, permettono allo studente di uscire con un bagaglio di conoscenze utile per il mercato e l'industria del game design. 





Come competenze è necessario avere basi di programmazione e grafica, affiancate a buone capacità di comunicazione. L’inglese, scritto e parlato, è indispensabile, poiché spesso e volentieri i gruppi di lavoro o gli appoggi esterni sono internazionali, senza contare che la maggior parte della documentazione disponibile sul game design è in inglese. Infine, delle solide basi matematiche ed un infarinatura di statistica non guastano quando si devono raccogliere ed analizzare dati per bilanciare le componenti di gioco.

SBOCCHI PROFESSIONALI 

Il Game Designer potrà svolgere compiti professionali nei diversi ambiti delle arti digitali (grafica, programmazione, animazione) e dell’industria dei consumi culturali (giornali, editoria, nuovi media, eventi). In particolare, il laureato potrà essere impegnato nelle organizzazioni pubbliche e private, nazionali e internazionali, nell’area degli uffici stampa e del lavoro redazionale, della comunicazione pubblicitaria, della progettazione di contenuti audiovisivi e multimediali.

A seconda dell’ambiente in cui si lavora è possibile far carriera fino a diventare lead designer, oppure specializzarsi in una delle sfumature della progettazione, come la quality assurance (QA) o il level design. Un game designer cresce con i giochi a cui lavora seguendone la produzione dall’inizio alla fine e si fonda sull’esperienza maturata sul campo e sui progetti portati a termine con successo.

Esistono anche game designer freelance o piccole aziende formate solo da game designer che offrono soprattutto servizi di progettazione e prototipazione.

QUANTO SI GUADAGNA

L’industria dei videogiochi in Italia è in continua crescita, ma, che chi desidera una carriera promettente, all'estero figure come il game designer sono molto richieste. Orientativamente il compenso di un game designer è tra i più alti sotto la fascia di management e può orientativamente aggirarsi tra i 30 e i 45.000 euro lordi annui a seconda della realtà in cui è impiegato e il livello di esperienza raggiunto. Ma per i più bravi, capaci di gestire e coordinare team di lavoro, si arriva anche a 100.000 euro lordi. 

Nessun commento:

Posta un commento