mercoledì 14 agosto 2013

IL CORPORATE BLOG PER AUMENTARE VENDITE E CONTATTI DI LAVORO

Più visibilità e più contatti per il business.
L’importanza di mantenere e sviluppare un rapporto con consumatori e clienti tramite web. 
“Bisogna iniziare a bloggare. Non avevamo idea di che cosa aspettarci quando lanciammo il blog Gm FastLane. Sorprendentemente avemmo cinquemila visitatori il primo giorno. Siamo entrati in contatto con migliaia di persone che altrimenti non avremmo mai raggiunto. Naturalmente potreste chiedervi se bloggare è importante quando la propria azienda è in un periodo di crisi. La mia risposta è sì”.
Così recita Bob Lutz, vice Chairman del Global Product Development di General Motors

In tempi di crisi l’azienda che utilizza le opportunità concesse dalle nuove tecnologie ha più possibilità di entrare in una spirale economica positiva e alimentare le possibilità di aumentare la propria visibilità su un terreno che sta diventando sempre più agguerrito e competitivo: il Web. 

Un corporate blog (o blog aziendale) suscita interesse nel cliente. E aiuta l’azienda ad ottenere visibilità, in particolare sui motori di ricerca come Google senza richiedere onerosi investimenti e tecnologie complesse. I costi per iniziare sono pari a zero, ma i vantaggi sono notevoli. 



Aprire un blog è pressoché gratuito, perché piattaforme come blogger o wordpress non richiedono costi di attivazione o manutenzione. Ovviamente, gestire un blog richiede tempo, ma è tutto tempo che ritorna all’azienda in numero di contatti e di clienti. Dunque, va visto come un investimento. 

I blog si stanno rivelando uno strumento di business molto efficace per le aziende: una chiave per sopravvivere alla recessione attraverso due operazioni di immagine: le relazioni con i clienti e la fiducia, canali attraverso cui stabilire un contatto diretto con il proprio target. Un blog avvicina i clienti alla vostra azienda. Nove milioni: sono gli italiani che leggono i blog ogni mese (fonte Nielsen) e, dunque, questi strumenti diventano l’estensione più naturale ed efficace per aumentare la presenza on-line delle aziende. Un blog serve ad accorciare le distanze tra cliente e azienda, fa capire meglio a quest’ultima cosa vogliono i propri committenti e, attraverso il riscontro diretto, consentire di correggere il tiro su eventuali errori di marketing in un modo più semplice e diretto. 

Cancellare il corporate blogging dalla lista degli strumenti di marketing solo perché non se ne conoscono le dinamiche può farvi perdere enormi opportunità economiche. Sforzarsi, invece, di avere un approccio aziendale meno istituzionale sembra essere la nuova strada per avvicinarsi ai clienti. Inoltre, un blog serve ad accorciare le distanze tra cliente e azienda, fa capire meglio a quest’ultima cosa vogliono i propri committenti e, attraverso il riscontro diretto, consentire di correggere il tiro di eventuali errori di marketing in un modo più semplice e diretto. 





Quello in cui occorre investire, dunque, è nel rinnovamento dell’approccio dell’azienda al mondo esterno. Naturalmente un blog aziendale richiede una pianificazione attenta. Si tratta di un elemento che deve divenire parte della strategia di comunicazione aziendale.
Aprire un blog è semplicissimo, fare un flop altrettanto facile.


Nessun commento:

Posta un commento