giovedì 25 ottobre 2018

I GRANDI ATLETI ITALIANI E IL MONDO DELLA SCUOLA INSIEME A CESENA PER CELEBRARE I VALORI UNICI DELLO SPORT

Una giornata di scuola che resterà nella memoria dei ragazzi, in cui le materie sono state l’integrazione sociale, il rispetto per gli altri, l’educazione e la crescita personale e gli insegnanti una parata di grandi atleti italiani, che insieme ai vertici dello sport nazionale e a grandi esperti del settore hanno raccontato alle nuove generazioni come la pratica sportiva non sia solo una questione di medaglie e agonismo, ma rappresenti un insieme unico di valori, da vivere ogni giorno insieme ai propri compagni, per crescere in maniera sana e diventare cittadini maturi e responsabili.



Questo il messaggio lanciato dal 3° Forum Romagna Iniziative, l’evento ideato dal Consorzio che da oltre 20 anni riunisce 12 grandi aziende della Romagna e che si è tenuto questa mattina presso il Carisport di Cesena, trasformando per un giorno la città nella Capitale dello sport italiano.

Il palazzetto della città romagnola ha ospitato oltre 2.000 ragazzi delle scuole medie e superiori del territorio, in uno speciale incontro con alcuni grandi protagonisti dello sport importanti Istituzioni nazionali, fra cui il Presidente del CONI e membro CIO, Giovanni Malagò



Protagonisti di decine di selfie coi ragazzi e, sul palco, maestri di vita ed esperienze, sono stati Fiona May, Campionessa mondiale di salto in lungo, Roberta Pedrelli, Campionessa della Nazionale Paralimpica Sitting Volley, Massimiliano Rosolino, Campione olimpico di nuoto e Diego Occhiuzzi, Campione mondiale di scherma, che hanno raccontato i loro progetti a carattere sociale e le loro esperienze dentro e fuori il campo da gioco, offrendo agli studenti una preziosa testimonianza sul significato più profondo della pratica sportiva, per il singolo e per le comunità. 

A loro si sono uniti Michele Uva, Direttore Generale FIGC e Vicepresidente UEFA, Alessandro Costacurta, Presidente del Comitato Organizzatore del Campionato Europeo UEFA Under 21 - Italia 2019, Marcello Ticca, libero docente e Specialista in Scienza dell’Alimentazione, e, in chiusura della giornata, il Presidente del CONI, e neo membro CIO, Giovanni Malagò, che col proprio intervento ha concluso un evento che ha toccato la mente e il cuore dei ragazzi.

“Amiamo il nostro territorio e vogliamo valorizzare tutte le attività che lo rendono sempre più bello da vivere, soprattutto per i giovani che sono il futuro e il motore della società” – ha dichiarato Francesca Amadori, Presidente di Romagna Iniziative.
“Lo sport è da sempre uno degli ambiti in cui il nostro Consorzio si impegna con energia da oltre 20 anni, insieme all’arte e alla cultura. Perché la pratica sportiva, quando è vissuta nei suoi valori più veri e sani, è fondamentale per stare bene con se stessi e con gli altri. Oggi alcuni grandi campioni nazionali sono stati i nostri insegnanti e il messaggio che hanno voluto lasciare agli studenti è che l’importante non è vincere, ma come si compie il proprio percorso personale per raggiungere il risultato finale.”

Per rendere ancora più forte il messaggio di questa giornata, le scuole che hanno partecipato al 3° Forum Consorzio Romagna Iniziative hanno partecipato a un concorso, in cui è stato chiesto agli studenti di realizzare un video che avesse al centro i valori più profondi e sociali dello sport.
Proprio perché, soprattutto per le nuove generazioni di oggi, lo sport deve rappresentare un primo laboratorio di creazione di comunità dove il rispetto delle regole, la solidarietà, l’ascolto dei bisogni degli altri per raggiungere obiettivi comuni è fondamentale, prima ancora del conseguimento del successo personale.

A premiare i vincitori è stato lo stesso Presidente del CONI Giovanni Malagò, che ha accolto sul palco insieme ai rappresentanti del Consorzio e ai relatori del Forum la classe vincitrice che, oltre alla possibilità di vedere proiettato il proprio video durante l’evento si è aggiudicata un premio del valore di 2.000 euro, da utilizzare per la gita scolastica di classe.

“Ringrazio Romagna Iniziative, la città di Cesena e le aziende del Consorzio per questa straordinaria giornata - ha commentato Giovanni Malagò, Presidente del CONI. Questo grande evento, con oltre 2.000 ragazzi presenti e alcuni dei nostri più importanti campioni, ci ha permesso di parlare dei valori dello sport ma anche dell’importante correlazione fra stile di vita sano e benessere, che ha nella Romagna uno dei suoi migliori ambasciatori. Sono temi importanti da diffondere, soprattutto nel nostro sistema scolastico, per sensibilizzare i ragazzi a praticare più sport. A questo proposito, mi piacerebbe poter coinvolgere le scuole italiane in un concorso che porti alcuni rappresentanti degli studenti a vivere in prima persona l’atmosfera di Tokyo 2020. Lo sport, infatti, è un’esperienza da vivere quotidianamente e da godere anche nelle occasioni più speciali: magari proprio ospiti di Casa Italia ai prossimi Giochi.”

Romagna Iniziative è un Consorzio che riunisce alcune delle più importanti realtà imprenditoriali del territorio cesenate e romagnolo (Amadori, Camac, Crédit Agricole, F.lli Battistini Carrozzerie e Officine, Hippo Group, Isoltema, Orogel, SGR Servizi, Technogym, Tre Civette Global Service, Trevi Group, Viaggi Manuzzi). Nato nel 1996 con lo scopo di garantire supporto e sostegno economico al Cesena Calcio, attualmente si impegna a valorizzare progetti di interesse culturale e sportivo. Dal 2001 Romagna Iniziative gestisce anche il Palazzetto dello Sport di Cesena, il Carisport, che ospita ogni giorno allenamenti di basket e volley ed è sede del campionato di pallavolo di B1 femminile e C maschile, oltre che di tanti concerti e spettacoli di artisti di fama internazionale.

martedì 25 settembre 2018

NASCE L'OSSERVATORIO NAZIONALE DELL'ABITANTE: STUDIERÀ IL COMPORTAMENTO DEGLI ABITANTI ITALIANI

Un progetto di Habitante SRL In collaborazione con Norstat Italia, panel provider specializzato in ricerche di mercato online
Nasce l’Osservatorio Nazionale dell’Abitante, un progetto ideato da Habitante SRL per studiare i comportamenti degli abitanti italiani. Punto di incontro tra appassionati ed esperti del mondo della ricerca sugli stili di vita e di consumo, vuole offrire una visione approfondita sulle abitudini degli italiani.
L’ONA vuole essere una fonte sempre aggiornata di informazioni su consumatori e mercati che ha l’obiettivo di supportare le aziende nelle decisioni strategiche oltre a fornire ai lettori spunti di riflessione che consentono una migliore comprensione degli atteggiamenti sui comportamenti degli abitanti italiani.
In collaborazione con Norstat, Habitante SRL ogni mese pubblicherà un report dell’Osservatorio Nazionale dell’Abitante con lo scopo di analizzare l’evoluzione delle abitudini di consumo degli italiani





IN ARRIVO I PRIMI RISULTATI STATISTICI DEL MESE DI SETTEMBRE

Ogni mese verranno realizzate 1.000 interviste CAWI (Computer Assisted Web Interviewing) rappresentative della popolazione italiana per sesso, età ed area geografica. In un anno l’Osservatorio intende raccogliere le opinioni di oltre 12mila individui consentendo di avere una fotografia dettagliata degli gli stili di vita e di consumo degli italiani nella maggior parte dei mercati di riferimento: dal food al wellness, dall’IT all’automotive senza dimenticare l’abbellimento, la manutenzione e la ristrutturazione della casa e del giardino.

Anteprima della prima rilevazione dell’ONA – Report Settembre 2018

Durante la prima settimana di settembre, al rientro dalle vacanze estive, Norstat ha intervistato, per conto di Habitante SRL, 1023 abitanti italiani con l’obiettivo di rilevare quali sono gli obiettivi che le persone si prefiggono per quello che viene comunemente definito “il mese dei buoni propositi”.
Il primo dato interessante emerso dalla ricerca è che oltre il 90% degli abitanti intervistati (dai 18 anni in su) hanno dichiarato che dal mese di settembre, per lo più al rientro dal periodo vacanziero estivo, hanno deciso di cambiare qualcosa (almeno un’abitudine) nella propria vita quotidiana e nelle proprie abitudini.
Le donne, forse più degli uomini, si sentono più “invogliate” a fare qualcosa per migliorare la qualità della loro vita. L’età in cui si tende ad essere “meno propensi” al cambia- mento è quella che va dai 35-44 anni, l’età delle “sicurezze”: raggiunta una certa stabilità in termini di relazioni familiari e professionali fa sì che vi sia una moderata tendenza a rimettersi in gioco. Il nord est risulta essere l’area più dinamica del paese al punto che quasi la totalità degli abitanti intervistata ha in mente di fare qualcosa di diverso rispetto ai 9 mesi precedenti. Ma quali sono i principali buoni propositi che persone si sono appuntati nell’agenda di settembre?

Gli abitanti italiani pensano al futuro: Salute e Risparmio economico sono i temi che riguardano oltre una persona su tre.

Il terzo importante macro-trend riguarda invece il lavoro e la propria crescita professionale. Anche in questo caso il Nord Est si conferma come la “terra più fertile” ed incline al cambiamento rispetto al resto della penisola (il 35% degli intervistati del nord est ha in mente di cercare nuovi stimoli lavorativi).

La dimensione intima e personale tocca 1 italiano su 3: dopo i bagordi di agosto, magari alla ricerca di un fazzoletto di spiaggia libera, si prova a ricercare se stessi per rimettere ordine ai propri obiettivi personali (circa il 40% per gli abitanti del nordest).
Interessante notare come 1 italiano su tre, al rientro delle vacanze, riparta dalla propria abitazione come fulcro e punto di partenza di tutte le altre attività legate a sé ed alla sua famiglia.
Siamo appena rientrati dalle vacanze ma per alcuni il motto è: vivo in vacanza da una vita! In realtà sappiamo che il mese di settembre per alcuni è il periodo ideale per trascorrere delle vacanze tranquille e con costi accessibili (30%).
Miglioramento delle lingue ed apprendere nuove “abilità” in termini professionali riguarda un abitante su 5.

In generale possiamo dire che il rientro dalle vacanze è sempre un momento di cambiamento importante e la prima rilevazione dell’Osservatorio dell’Abitante lo conferma.

Su www.habitante.it maggiori approfondimenti sull’analisi in corso.

HABITANTE
Habitante SRL è una società di consulenza in marketing e comunicazione, nata da un progetto ideato per supportare l’Osservatorio sulla Casa di Leroy Merlin Italia e sviluppato insieme a Unione Nazionale Consumatori. Punto di esplorazione, osservazione e riflessione, mette al centro i consumi dell’abitante italiano e racconta la realtà delle case e delle differenti forme dell’abitare in base alle diverse culture.

OSSERVATORIO NAZIONALE DELL’ABITANTE
Habitante lancia l’Osservatorio Nazionale dell’Abitante con l’obiettivo di diventare punto di riferimento delle informazioni sugli abitanti italiani: dai dati che raccoglierà ogni mese, con particolare attenzione alle tendenze mensili delle abitudini italiane, l’ONA costruirà un calendario dell’abitante felice. Raccogliendo e analizzando i dati dalla ricerca, l’Osservato- rio avrà particolare attenzione a ciò che agli italiani piace fare, pensare, acquistare e cambiare per rendere migliore la propria vita.

lunedì 20 agosto 2018

Agenzia di traduzioni Eurotrad: competenza, affidabilità e versatilità


Un’agenzia di traduzioni è un partner preziosissimo nella strutturazione della strategia internazionale di un’azienda. I testi attraverso cui si veicolano i valori e si illustrano i servizi offerti da un brand sono infatti fondamentali per conquistare e successivamente fidelizzare i clienti di un mercato straniero.

La realizzazione di testi validi tanto dal punto di vista linguistico quanto da quello funzionale è lo scopo principale di un’agenzia di traduzioni, e si tratta di un obiettivo che un traduttore professionista non è sempre in grado di portare a termine contando solo sulle proprie forze: per questo motivo disporre di una squadra affiatata e competente è fondamentale per assicurare un buon servizio ai propri clienti.

Agenzia di traduzioni Eurotrad

L’agenzia di traduzioni Eurotrad è una delle migliori a livello nazionale. Specializzata sia nella traduzione di testi scritti sia nell’interpretariato, offre una vasta gamma di servizi opzionali (dalla correzione di bozze all’impaginazione) che completano il lavoro di traduzione vero e proprio.
Grazie a una vasta e ben coordinata squadra di professionisti è in grado di portare a termine in tempi ristretti anche traduzioni di testi molto lunghi, assicurando coerenza linguistica e stilistica attraverso l’utilizzo di moderni software che sostengono e facilitano il lavoro dei traduttori.

Tipologie di testi

Naturalmente ogni testo ha una determinata funzione e viene formulato per raggiungere uno scopo o una serie di scopi nella maniera più efficace possibile. Ne consegue che un testo tecnico è molto differente da un testo pubblicitario per struttura, scopo e specifiche linguistiche. L’agenzia di traduzioni Eurotrad è in grado di tradurre efficacemente ogni tipo di testo in maniera che sia perfettamente aderente agli scopi del testo originale, anche attraverso variazioni e talvolta ricreazioni vere e proprie, che si rendono talvolta necessarie per un’efficace traduzione da una lingua all’altra.

SEO in lingua

La sempre maggiore importanza rivestita dall’ambito digitale nella diffusione di testi scritti ha portato allo sviluppo di una nuova branca della traduzione: l’ottimizzazione di testi per motori di ricerca in lingua straniera. Questo genere di traduzioni per il web viene affidata a traduttori dotati di conoscenze specifiche legate appunto alle formulazioni di testi per la rete e all’ottimizzazione on page.

Coppie linguistiche

Considerando la lingua di origine e la lingua in cui operare la traduzione le due parti di una coppia linguistica, si coglie immediatamente che le potenziali coppie linguistiche sono moltissime. Un traduttore professionista che lavori da solo può tradurre soltanto in un numero molto limitato di coppie linguistiche, sfruttando le lingue che conosce personalmente. Un team di traduttori viene formato in maniera da mettere a disposizione dell’agenzia un numero cospicuo di lingue conosciute, in maniera da moltiplicare le coppie linguistiche attraverso cui l’agenzia stessa può operare le sue traduzioni.

L’interpretariato

Naturalmente la traduzione non viene attuata soltanto in forma scritta. La traduzione in forma orale prende il nome di interpretariato e anch’essa comprende un certo numero di variabili e di possibilità finalizzate a soddisfare nella miglior maniera possibile le esigenze di un cliente. Si passa dalla traduzione simultanea (con o senza radiomicrofoni) a quella consecutiva fino a quella che viene operata durante una trattativa commerciale.

giovedì 26 luglio 2018

SVELATO IL SEGRETO DEL "FIORE" PETALOSO

Uno studio dell’Università Statale di Milano e del PTP Science Park di Lodi, pubblicato su The Plant Journal, riconduce la moltiplicazione di petali dei fiori di pesco e delle rose alla mutazione di un gene regolatore.


a sinistra una rosa a cinque petali, con la forma ‘originale’ del fiore molto comune tra le rose selvatiche. A destra una rosa con decine di petali, uno spettacolo consueto nei nostri giardini (Foto: Francesco Gattolin


Il florovivaismo è un’attività di grandissima importanza economica e si stima che il valore della produzione globale di piante da fiore sia di 55 miliardi di dollari con l’Europa ai primi posti sia per produzione che per consumo. I “fiori doppi”, con aumentato numero di petali, sono stati selezionati dall’uomo per il loro aspetto attraente e il loro valore commerciale in diverse piante ornamentali, fra cui la rosa e il pesco.

Sono proprio i bellissimi fiori di queste due piante al centro della ricerca appena pubblicata su The Plant Journal che ha rivelato il segreto del fiore “petaloso”, individuando per la prima volta nella mutazione di un gene la causa della moltiplicazione dei petali. 

La ricerca è frutto di una collaborazione tra l’Università degli Studi di Milano, dove è stata coordinata dalla Professoressa Laura Rossini, docente di genetica agraria al Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali, ed il PTP Science Park di Lodi, con il primo autore Dottor Stefano Gattolin (ora ricercatore presso il CNR-IBBA), prevedendo inoltre il coinvolgimento diretto dell’INRA (Institut National de la Recherche Agronomique). 

Lo studio è partito dall’analisi genetica del numero dei petali nei fiori di pesco, attuata analizzando incroci fra peschi da frutto (5 petali) e peschi ornamentali (molti petali) prodotti dal Professor Daniele Bassi del Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali dell’Università di Milano.

 rosa “Bella di Monza”,
elegantissima varietà
creata agli inizi dell’800 (Foto: Silvano Fumagalli)

Conosciuto in tutto il modo per i suoi frutti, il pesco è stato domesticato migliaia di anni fa in Cina, dove è tradizionalmente considerato l'albero dell’immortalità o della longevità, ed è molto apprezzato anche per la generosa fioritura celebrata ogni anno con festival come quello di Shangai. 

“La sequenza genomica del pesco è stata cruciale per individuare la posizione cromosomica e il gene candidato Di2 che codifica per un fattore di trascrizione della superfamiglia APETALA2: una particolare mutazione di questo gene chiave dello sviluppo del fiore ne altera la regolazione portando alla formazione di un’abbondanza di petali” spiega la Professoressa Rossini.

La prova del nove a conferma dell’importanza di questa mutazione è venuta dall’analisi di alcune varietà di rose messe gentilmente a disposizione dall’ Associazione Italiana della Rosa e raccolte dal roseto Niso Fumagalli presso la Reggia di Monza ( https://www.airosa.it/index.asp). 

“A differenza delle rose a 5 petali quali molte rose selvatiche e alcune varietà che adornano i nostri giardini” commenta il Dott. Gattolin “quelle con molti petali, certamente più conosciute, hanno una mutazione funzionalmente analoga nel gene di rosa omologo a Di2 di pesco”. 

Fra le rose analizzate vi è anche la Bella di Monza, forse la più iconica e romantica delle varietà di rosa create agli inizi del 1800 da Luigi Villoresi, primo ibridatore di rose in Italia.

Questa scoperta apre la strada a ricerche su altre specie di interesse ornamentale quali il garofano e la petunia, piante per le quali sono state selezionate dall’uomo spettacolari varietà a “fiore doppio”.

Link allo studio “Deletion of the miR172 target site in a TOE‐type gene is a strong candidate variant for dominant double‐flower trait in Rosaceae”