venerdì 26 maggio 2017

COS'È IL VISUAL MERCHANDISING?

Il Visual merchandising è l'insieme di operazioni che collocano il prodotto all'interno del punto di vendita in sintonia con le scelte del format (o strategia commerciale) e che riguardano il sistema espositivo, l'ambientazione, l'illuminazione, la grafica. La traduzione letterale è visualizzazione della merce, ma indica una serie di operazioni molto più complesse di una semplice esposizione di prodotti: un linguaggio commerciale creativo.


Grazie all'utilizzo delle tecniche di visual merchandising, si passa da una vendita assistita, alla libera vendita. Il visual merchandising è inoltre una tecnica che serve a facilitare la preselezione e l'acquisto da parte del cliente esponendo la merce in una sequenza logica riferita alla priorità di scelta del cliente stesso (per esempio la sequenza di utilizzo).

Il Visual Merchandiser è quella persona che comunica con creatività e gusto personale, uniti a tecniche e strategie commerciali, per trasformare l’esposizione in uno strumento di vendita. Chi si occupa del Visual Merchandising deve avere una particolare sensibilità estetica, da sfruttare per una migliore gestione commerciale del Punto di Vendita. Chi svolge questa professione deve essere formato sulla comunicazione visiva, sulla percezione visiva, sulla teoria del campo e sulla teoria del colore.

Il mondo del fashion retail è in continua crescita e offre numerose opportunità lavorative. Creare un ambiente accattivante e stimolante è fondamentale per rendere l’acquisto un vero e proprio piacere per i clienti. Proprio per questo la figura del visual merchandiser, che si occupa di creare un allestimento per valorizzare al meglio il negozio, è sempre più richiesta. La professione può essere svolta all’interno di uno specifico store, per una catena di negozi o come freelance, andando ad allestire su richiesta più punti vendita.

Per lavorare come Visual Merchandiser è sufficiente seguire un valido corso di formazione, dato che per questa figura non sono richiesti titoli di studio specifici. La laurea, dunque, non è indispensabile per svolgere una professione di marketing creativo. Basta frequentare un corso mirato, una volta conseguito il diploma, per ricevere la formazione necessaria di Visual Merchandising. Su Educaform potete trovare un corso che consente a chiunque di diventare Visual Merchandiser. Il percorso di studio ha una durata di 3 mesi e si propone di sviluppare una figura professionale che sia in grado di operare in modo autonomo e costruttivo con i responsabili delle vendite e del marketing, e realizzare fondali scenografici, abbinare i prodotti, allestire vetrine e corner, come organizzare i reparti secondo criteri commerciali.

giovedì 25 maggio 2017

OGGI WEBINAR GRATUITO PER PROGETTARE CON CAD 3D

L’obiettivo di questo webinar è presentare i vantaggi derivati dall’introduzione di un CAD 3D come Solidworks in azienda.


Il webinar è rivolto sia a chi ancora utilizza la tecnologia 2D e, per svariati motivi, non ha ancora deciso di effettuare il passaggio al 3D, sia a chi già utilizza un CAD 3D ma non ha ancora del tutto abbandonato lo strumento 2D. Nel webinar affronteremo le tematiche legate alla necessità di innovare e alle resistenze da vincere per implementare con successo soluzioni innovative per la progettazione. Infine, vedremo come riutilizzare un disegno 2D inserito all’interno di un nuovo progetto Solidworks.

Quando: Oggi, Giovedì 25 Maggio - ore 14.30



Questi gli argomenti trattati:

  • I falsi miti della progettazione 3D
  • Top performer: esempi da seguire
  • Come riutilizzare una tavola 2D
  • Progettazione di parti e assiemi 3D
  • 3D, rappresentazioni e distinte materiali
  • Verifiche di progetto
  • Oltre il 3D

martedì 23 maggio 2017

COME SI DIVENTA GIORNALISTA SPORTIVO?

Come si può diventare giornalista sportivo? Non è particolarmente complicato, anche se ora il ‘giornalista’ deve saper coprire l’intero processo di redazione di un pezzo: dalla giusta conoscenza delle piattaforme di scrittura online alle istruzioni grafiche fino alla gestione dei social, talvolta. Non è più dedicato solamente al processo di scrittura. Fatta questa premessa, preparatevi perché il percorso è lungo ed impegnativo.



Prima di parlare del percorso di studi, è necessario farsi un esame di coscienza. Sei portato a scrivere? Hai una buona prosa? Partendo da molto lontano sarebbe buona norma intraprendere un percorso di scuole superiori con studi classici per avere una base culturale solida da cui partire. Se avete fatto altro, non preoccupatevi, non c’è un percorso obbligatorio.

Allo stesso modo, non c’è un percorso lineare per diventare giornalista sportivo. La cosa migliore da fare potrebbe essere quella di cominciare sin da giovane e mettersi subito in gioco attraverso collaborazioni web, intervistando addetti ai lavori e così via. Con un minimo di fortuna e di ricerca, sarà possibile trovare una testata giornalistica iscritta al tribunale e potrete quindi chiedere di avanzare una collaborazione retribuita al fine di procedere con le pratiche per conseguire il tesserino da pubblicista. Una volta ottenuto il tesserino sarà ben più facile ottenere accrediti per presenziare ai maggiori eventi sportivi, intervistare i protagonisti e farsi conoscere.

Sarà indispensabile avere anche una buona conoscenza dei social network, creando un proprio account su Twitter o Facebook in modo tale da cominciare ad avere dei lettori fissi. Sarà importante creare la propria reputazione online al fine di attirare eventuali datori di lavoro. Ottimo anche il mantenere contatti con giornalisti già affermati e personalità del settore.

Il corso di perfezionamento in giornalismo sportivo proposto da Educaform è a numero chiuso e prevede anche la possibilità di accedere ad alcune borse di studio. È adatto a chi intende avviarsi alla carriera professionale di Giornalista Sportivo. È inoltre adatto a chi, senza aspirare ad una professione di questo tipo intenda acquisire una profonda conoscenza in questo campo.

Inoltre il corso approfondirà tutti gli aspetti della cronaca e scrittura giornalistica utilizzando i nuovi media (pubblicazione online e social network) utilissimi oggi per la professione del giornalista.

Per richiedere maggiori informazioni relative al corso di laurea, basta cliccare il bottone qui sotto e compilare il form.

CORSO DI LAUREA DEDICATO AL CALCIO

Per quelli che il calcio lo amano così tanto da essere pronti a studiarlo, oggi c’è l’università del calcio: il primo corso universitario dedicato allo studio della disciplina sportiva di massa per eccellenza. L’Università Telematica San Raffaele propone il corso di laurea triennale dedicato al calcio, patrocinato dal Coni, dalla Federazione italiana gioco calcio e dalle leghe (dalla serie A ai Dilettanti, compresa l’associazione arbitri).



Andando a spulciare tra alcune materie del primo anno (“Elementi di fisica e biomeccanica applicati al calcio”, “Inglese tecnico” e “Psicologia applicata al calcio”), oltre a scoprire il nuovo mondo del pallone, notiamo che ogni studente sarà seguito da due tutor, ex calciatori, pronti a indirizzarlo telematicamente. Fino al giorno in cui, gli stessi insegnanti (tra i docenti, Demetrio Albertini, Renzo Ulivieri, Beppe Marotta e tanti altri pezzi grossi del settore), il giorno degli esami si paleseranno sul campo, nel Centro tecnico federale di Coverciano, proprio là dove studiano i futuri allenatori.

L’università del calcio non è però un corso di studi per futuri allenatori. «Dopo aver conseguito la laurea triennale, basta leggere i tre indirizzi di formazione specialistica (Marketing e Media, Management e Supporto tecnico) per comprendere che non si studia da allenatori, ma da manager preparati.

Secondo quanto ha dichiarato il presidente della Figc Carlo Tavecchio alla presentazione del corso di laurea, "La Federazione ha anche il compito di promuovere iniziative collaterali come questa, un progetto teso ad investire su professionalità, competenza e impegno. Speriamo che questo corso di studi possa sfornare una classe dirigente nuova e competente".

Il corso di laurea si svolge in teledidattica, consentendo quindi di seguire le lezioni comodamente da casa in ogni momento. Ogni studente è dotato di username e password per l’accesso alla piattaforma didattica e a tutti i materiali didattici in essa contenuti. All'interno della piattaforma lo studente trova, per ciascuna materia, uno spazio dedicato alla sua classe virtuale, in cui oltre a una bacheca in cui viene dato spazio alle comunicazioni del docente, si trovano le lezioni e i materiali didattici relativi alle singole lezioni e al corso oltre alle risorse didattiche integrative. Inoltre è disponibile un forum, dedicato alla discussione e richieste di chiarimenti, oltre ad alcune sessioni live ove previste dal docente all’interno del corso.

Per richiedere maggiori informazioni relative al corso di laurea, basta cliccare il bottone qui sotto e compilare il form.